Bullismo e cyberbullismo: come difendersi legalmente.

Insieme all'esperto:

Per riferimenti:
Dott. Roberto Brunelli

Email: segreteria@studiolegalebdp.it

Bullismo e cyberbullismo: come tutelarsi legalmente.
In questa puntata di Figli Felici l’Avvocato Annamaria Bernardini De Pace ci dà consigli efficaci su come tutelare legalmente i propri figli in caso di bullismo e cyberbullismo, atti che nascono spesso all’interno di dinamiche adolescenziali ma che possono diventare anche dei gravissimi reati.
Bisogna capire perché avvengono e, soprattutto, come arginarli.
È importante trasmettere ai propri figli il coraggio di testimoniare, qualora assistessero a un caso di bullismo, per affermare sempre la verità.
La verità è libertà.
L’ Avvocato ci indica quali sono i percorsi da intraprendere, da parte dei genitori, per tutelare gli adolescenti vittime di bullismo:
prima di tutto devono avere un dialogo coi propri figli, hanno anche la responsabilità della loro educazione e formazione morale.
Nel momento in cui un genitore si accorgesse di un atto di bullismo, gli si consiglia di rivolgersi a un avvocato che sia specializzato in diritti dei minori.
In primo luogo si tende a risolvere il problema bonariamente, scrivendo una lettera al genitore del bullo o all’insegnante. (Da non sottovalutare che, sia i genitori che gli insegnanti, possono essere accusati del fatto che il ragazzo abbia agito come bullo).
Se questo non bastasse, il passo successivo è la denuncia, rivolgendosi alla Polizia Postale.
In caso di cyberbullismo l’Avv. Bernardini De Pace ci indica il modello per fare la segnalazione.
Si trova su internet, qui di seguito il link per scaricarlo:
SCARICA IL MODELLO PER LA SEGNALAZIONE
Successivamente il Garante per la diffusione dispone il blocco online dei dati definiti non corretti.
La segnalazione può essere fatta dai genitori, oppure dal ragazzo stesso purché abbia già compiuto 14 anni.
Si può anche andare direttamente dal Questore per far ammonire il bullo.
Se questo non bastasse si passa ai successivi procedimenti per i vari reati.
Purtroppo il fenomeno del bullismo è molto sottovalutato: viene spesso scambiato per una “ragazzata” o un litigio.
L’ Avvocato Annamaria Bernardini De Pace sottolinea giustamente che, affinché venga considerato un litigio tra ragazzi, deve esserci una posizione orizzontale, cioè tutti devono essere sullo stesso piano.
Se la posizione è verticale, ovvero uno è in una posizione più forte, si tratta di bullismo.
Nello studio dell’Avvocato Annamaria Bernardini De Pace collabora il Dottor Roberto Brunelli, al quale rivolgersi per le richieste di aiuto da parte degli adolescenti, vittime di bullismo o cyberbullismo.
Per qualsiasi informazione al riguardo, trovate tutti i dati qui a lato.
Vi ricordo di scrivere alla nostra mail in caso di domande e richieste particolari sui temi da trattare nelle prossime puntate e vi auguro una buona visione.
Alla prossima settimana con Figli Felici – Genitori e Adolescenza.

TAGS
adolescenti, adolescenza, annamaria bernardini de pace, avvocato, blog, bullismo, bullo, cyberbullismo, cyberbullo, denuncia, esperti, figli, figli felici, genitori, insegnanti, legale, mamma, modulo, omertà, papà, polizia postale, questore, responsabilità, roberta ferrari, roberto brunelli, scuola, tutelare, verità, vittima

Condividi sui social

Roberta Ferrari

Roberta Ferrari

Site Footer

Sliding Sidebar

Chi sono

Chi sono

Conduttrice, giornalista, autrice, laurea in psicologia. Amo mia figlia Iris, i miei affetti, gli animali, il mio lavoro.

Seguimi sui social

Facebook