La bulimia nervosa.

La bulimia nervosa.

Anche la bulimia nervosa è una patologia che può colpire i ragazzi in età adolescenziale.

L’analizziamo nel dettaglio in questa puntata con la Dottoressa Ilaria Repossi.

 

Di seguito trovate le schede riassuntive di quanto trattato in puntata:

Scheda 1

Anche la bulimia nervosa, come l’anoressia, è una patologia alimentare che colpisce maggiormente le ragazze.

Solitamente fanno scorta di cibo, lo nascondono e lo mangiano con voracità.

Il senso che provano è d’impotenza di di disgusto verse se stesse, sentendo in colpa per le abbuffate. Per evitare l’aumento di peso ricorrono in seguito al vomito autoindotto, o a lassativi diuretici, o a eccessiva attività fisica, oppure al digiuno.

Nel disturbo da alimentazione incontrollata, ci si abbuffa per sentirsi meglio, sentendosi poi peggio e rifugiandosi nuovamente nel cibo per star meglio. Diventa un vero e proprio circolo vizioso.

A differenza della bulimia, nel disturbo da alimentazione incontrollata non si cerca di tenere sotto controllo il proprio peso con condotte compensatorie, ma si continua ad abbuffarsi.

Scheda 2

Le persone con bulimia nervosa presentano episodi ricorrenti di abbuffata caratterizzati:

  1. dal mangiare (per es. per un periodo di due ore) una quantità di cibo significativamente superiore rispetto a quella che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso tempo e in circostanze simili,
  2. e dalla sensazione di perdere il controllo durante l’episodio.

La cura risiede nel trattamento specialistico multidisciplinare, che in particolare coinvolga specialisti di area psichiatrica e psicoterapica e di area medico-nutrizionale.

L’intervento deve essere istituito tempestivamente, in particolare in età evolutiva, con lo scopo di prevenire danni sullo sviluppo e sulla crescita.

Condividi sui social

Roberta Ferrari

Roberta Ferrari

Site Footer

Sliding Sidebar

Chi sono

Chi sono

Conduttrice, giornalista, autrice, laurea in psicologia. Amo mia figlia Iris, i miei affetti, gli animali, il mio lavoro.

Seguimi sui social

Facebook