I disagi nell’adolescenza.

I disagi nell’adolescenza.

In questa puntata abbiamo parlato più nello specifico dei disagi nell’età dell’adolescenza, sempre con da Dottoressa Ilaria Repossi.

Qui di seguito trovate le schede riassuntive sui punti principali riguardanti l’argomento:

Scheda 1

I conflitti con i genitori, la paura di deluderli, la difficoltà ad affermare la propria identità e a riconoscere i propri obiettivi di vita, sono alcuni degli stati di sofferenza tipici dell’età adolescenziale.
Essendo un momento di costituzione dell’identità, queste manifestazioni possono essere dei malesseri legati solo al momento, risolvibili nel corso dello sviluppo.

Ci sono invece sofferenze psichiche che possono diventare vere e proprie patologie quali: l’anoressia, la bulimia, l’autolesionismo, il bullismo, il cyberbullismo, le dipendenze…

L’esasperazione dei conflitti può manifestarsi in modo attivo o passimo.

  • Attivo: ribellione fisica e/o verbale anche violenta
  • Passivo: isolamento e chiusura che rappresentano ugualmente dei sentimenti di aggressività verso l’esterno.
Scheda 2

I momenti di crisi e disagio in adolescenza sono naturali, normale e importanti per la crescità.

Si parla di comportamento psicopatologico quando le crisi non sono passeggere, ma mutano in una strada senza uscita, ossia quando l’adoloscente resta incagliato nella morsa distruttiva della sua sofferenza.

Tenete sempre aperta la comunicazione che ora più che mai deve essere attenta e accogliente.

Non arrabbiatevi, per vostro figlio quel comportamento dannoso, in origine gli era sembrata una buona soluzione al suo dolore.

Evitate di cedere alla tentazione di provare da soli a risolvere la questione, si perde solo tempo prezioso e il rischio è di fare altri danni.

Farsi aiutare da esperti di comprovata professionalità è la strada migliore e il primo passo verso la risoluzione del problema.

Condividi sui social

Roberta Ferrari

Roberta Ferrari

Site Footer

Sliding Sidebar

Chi sono

Chi sono

Conduttrice, giornalista, autrice, laurea in psicologia. Amo mia figlia Iris, i miei affetti, gli animali, il mio lavoro.

Seguimi sui social

Facebook